Mettere l'occupazione di qualità e la sicurezza finanziaria al centro della strategia di ripresa

Città in Scozia
Casa » Edizione #17 » Mettere l'occupazione di qualità e la sicurezza finanziaria al centro della strategia di ripresa

 

Tempo di lettura stimato: 3 verbale

 

Dall'inizio della pandemia, Public Health Scotland ha sostenuto misure mirate all'occupazione e alla sicurezza finanziaria. Sottolinea che ciò potrebbe aiutare a prevenire il declino dei risultati sulla salute ora e in futuro.

Il lavoro e la sicurezza finanziaria sono determinanti chiave della salute. A breve termine, la disoccupazione e la povertà possono danneggiare la salute mentale e fisica. A lungo termine sono associati a mortalità prematura. Sebbene l'occupazione possa ridurre questi rischi, non tutti i lavori proteggono allo stesso modo: coloro che svolgono un lavoro insicuro, mal pagato, con scarso controllo e richieste eccessive, devono affrontare esiti di salute peggiori. In alcuni luoghi i posti di lavoro e i posti vacanti rimangono scarsi. Anche laddove il lavoro è disponibile e accessibile, non sempre è sufficiente proteggere le persone dalla povertà: il 61% degli adulti in età lavorativa e il 68% dei bambini in condizioni di povertà in Scozia vivono in famiglie che lavorano. Tuttavia, un'occupazione di qualità e un reddito familiare stabile, sufficienti a mantenere la salute fisica, mentale e sociale, sono legati a una salute migliore per adulti e bambini.

Mirare all'occupazione e alla sicurezza finanziaria per prevenire la povertà, i futuri danni alla salute e l'ampliamento delle disuguaglianze

Nel Regno Unito è stata introdotta una serie di misure per l'occupazione e il reddito per sostenere la forza lavoro durante la fase iniziale della pandemia. Questi includevano un programma di mantenimento del posto di lavoro e un'assistenza specifica per i lavoratori autonomi. Inoltre, £ 20 sono state aggiunte al credito universale (un pagamento effettuato a persone che sono disoccupate o hanno un reddito basso per il costo della vita). Anche i crediti d'imposta di lavoro hanno visto un aumento. Ciò ha dato una spinta finanziaria alle famiglie a basso reddito.

Mentre i governi si preparavano ad allentare le misure di protezione della salute, Public Health Scotland ha chiesto di continuare a lavorare e sostenere il reddito per coloro che ne avevano bisogno. Ciò contribuirebbe a ridurre al minimo gli impatti sulla salute mentale e fisica ora e in futuro; contribuirebbe anche ad evitare un ulteriore allargamento delle disuguaglianze sanitarie. Inoltre, Public Health Scotland ha fornito prove non solo per evitare rischi, ma anche per agire su nuove opportunità. Ciò includeva risposte politiche, investimenti e interventi incentrati sulla sicurezza finanziaria e sull'occupazione di qualità. Una tale risposta potrebbe impedire alle persone di entrare o rimanere in condizioni di povertà, affrontare le questioni del mercato del lavoro e contribuire a creare un'economia inclusiva.

A giugno, Public Health Scotland ha presentato un elenco di potenziali misure che si concentrano su coloro che sono più a rischio e con meno risorse. Questi includono:

  • famiglie a basso reddito con bambini
  • assistenti primari (spesso donne e genitori soli)
  • giovani senza prospettive di lavoro sicuro e di qualità
  • disabili e malati di lunga durata.

Inoltre, ha fornito linee guida per queste e misure simili. Ad esempio, dovrebbero essere creati in collaborazione con le persone che prendono di mira. Le linee guida dovrebbero anche considerare le particolari vulnerabilità e le caratteristiche dei diversi gruppi.

Mantenimento di un credito universale aumentato

Una delle misure suggerite da Public Health Scotland è stata quella di mantenere l'aumento del credito universale e del credito d'imposta di lavoro. Sebbene possa sembrare che il modo per ridurre la povertà sia quello di far lavorare le persone, aumentare l'occupazione di per sé non è sufficiente. Tutte le famiglie che rivendicano il credito d'imposta sul lavoro e il 35% delle persone che rivendicano il credito universale hanno già un lavoro. Un altro 31% dei richiedenti credito universale ha problemi di salute o responsabilità di assistenza. Ciò può compromettere la loro capacità di garantire e mantenere i posti di lavoro. Insieme all'occupazione, anche la sicurezza finanziaria svolge un ruolo importante nella riduzione e nella prevenzione della povertà.

Public Health Scotland ha affermato che il mantenimento dell'aumento del credito universale ha contribuito a prevenire l'ulteriore aumento della povertà. L'evidenza suggerisce che aumentare i redditi dei più poveri riduce la povertà. Può anche ridurre il divario nell'aspettativa di vita e migliorare la salute mentale e il benessere. Lasciare scadere l'aumento come previsto per ottobre 2021 comporterebbe probabilmente un peggioramento della già precaria salute dei disoccupati e delle famiglie a basso reddito. Questi sono gli stessi gruppi che hanno subito l'impatto della pandemia di COVID-19 in modo particolarmente pesante.

Mantenere i maggiori livelli di beneficio potrebbe migliorare la salute ora ed essere un investimento nella salute dei bambini per decenni. Mettendo la salute e il benessere al centro delle decisioni politiche in tutti i settori dell'economia, dell'occupazione e della salute, la Scozia può compiere progressi reali sui risultati nazionali. 

 

Ulteriori letture

 
Logo della sanità pubblica scozzese
Martin Taulbut
| + post

Martin è un consulente di intelligence per la salute pubblica presso Public Health Scotland

Logo della sanità pubblica scozzese
Donna Burnett
| + post

Donna è la responsabile organizzativa - Reddito e lavoro presso Public Health Scotland.

| + post

Chantal è addetta alle comunicazioni presso EuroHealthNet

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *